APE BIANCA

Valentina Villani

La perdita precoce di un genitore è un’esperienza dolorosa e paralizzante. Chi la vive subisce una crudele disconnessione da una parte profonda di sé, tanto che pensieri ed emozioni paiono precipitare in un vortice sinuoso e inesorabile come l’interno di una conchiglia. E, quando il rapporto tra madre e figlia si rivela complesso, intricato, conflittuale, eppure intimamente profondo, quell’assenza si manifesta in tutta la sua brutalità dilatandosi in un atroce senso di irrisolutezza.
La nascita di un figlio durante la malattia fatale della madre conduce l’autrice in un luogo sospeso tra vita e morte, un regno di opposti dominato da un’atmosfera onirica.
Le sue parole rievocano la faticosa esplorazione di sé alla ricerca di quell’assenza, di quella madre prima presente ma distante, affettuosa eppure eclissante, e delle sue reliquie ora spezzate e pungenti. L’analisi introspettiva del ricordo diventa, così, evento di riconciliazione.

Torna in libreria il bestseller amato dal pubblico e dalla critica, in una nuova edizione con magnifiche fotografie originali dell’autrice.

ISBN 978 88 99593 21 6
USCITA 10 giugno 2019
GENERE Memoir
PAGINE 148

Ape bianca (nuova edizione) - cover
«Ci sono amori che vanno gridati, anche quando è troppo tardi.
Per Valentina Villani questo amore è un canto straziante ricolmo di poesia.»
PAOLO VALENTINO
«Un racconto sospeso tra la vita la morte.
Valentina ripercorre il dolore vissuto negli ultimi mesi di vita della madre e la faticosa ricostruzione di un’integrità psicologica minata da questa perdita precoce.»
SUL ROMANZO
Paola Mauti
«Una lettura intimistica, una riflessione sul vuoto incolmabile che comprime le nostre esistenze dopo che coloro che abbiamo amato ci hanno lasciato.»
IL CORRIERE NAZIONALE
Mariangela Cutrone

DICONO DEL LIBRO

Un viaggio che stravolge i sensi: ascoltare un odore, leggere un’immagine, toccare un’emozione, vestire una storia.
Italians do it better

L’autrice, con profonda malinconia, insegue le orme di quella donna che era stata sostanza ed essenza, e che esisterà per sempre nella sua memoria.
Un kosmos di parole

Questa è magia, la magia di un talento che parte non solo dall’anima dell’autrice, ricca e composita, ma scende direttamente dalle regioni inesplorate e impervie delle idee.
Les Fleur du Mal

Un libro che emoziona.
ZeBuk

Una lettura scorrevole, viva e vera, consiglio assolutamente questo libro.
La gilda dei lettori

Davvero un piccolo gioiello questo di Valentina Villani, una storia che riempie il cuore mentre la si legge.
Iris e Periplo Review

Da leggere, rileggere e far leggere: una consolazione per il cuore.
Convenzionali

La narrazione è potente, intensa, corale. È difficile non restare emozionati dalla storia di Valentina, perché è la storia di tutti noi.
Mille Splendidi Libri e non solo

Un libro che lascia il segno e non s’accontenta di raccontare il proprio vissuto, ma si spinge fino alle porte del cuore del lettore.
Pink Magazine Italia

Una prosa fluida, introflessa nelle emozioni che si sforza di raccontare, elusiva, icastica e immaginifica come i fotogrammi che fermano le parole per trasmutarle in versi.
4.0 Blog – Tutta la vita da leggere

“Ape Bianca” è un memoir che lascia il segno, una carezza sul cuore.
OrvietoSì

Semplicemente meraviglioso, capace di rimanere non solo nella mente ma anche nel cuore del lettore.
Our Free Time Blog

È un’immagine incredibilmente forte: la vita che prende il sopravvento nel momento della morte.
LeggIndipendente

Parole, immagini che alimentano un flusso di coscienza straziante, che passa attraverso l’elaborazione dei conflitti e dei nodi irrisolti.
Mangialibri

INTERVISTE

Giovanna Angelino intervista Valentina Villani su Il Corriere di San Nicola
Intervista a Valentina Villani su La bottega dei libri
Intervista a Valentina Villani su Letto&Detto
Mariangela Cutrone intervista Valentina Villani su Il Corriere Nazionale
Antonia Romagnoli intervista Valentina Villani su Cultura al femminile