Algernon Blackwood
ALGERNON BLACKWOOD

Uno dei più importanti autori britannici di storie del soprannaturale del Ventesimo secolo, Algernon Blackwood (1869-1951) scrisse storie in cui il lento accumularsi di dettagli significativi produce una tensione quasi insopportabile. La fama letteraria di Blackwood ha avuto inizio nel 1908 con la pubblicazione di una raccolta di racconti di grande successo, John Silence, Investigatore dell’occulto.
Le sue opere hanno influenzato intere generazione di scrittori, tra i quali H.P. Lovecraft, August Derleth, Clark Ashton Smith e Stephen King.

Lafcadio Hearn
LAFCADIO HEARN

Lafcadio Hearn (1850-1904) fu scrittore prolifico, critico letterario, giornalista e incisore dilettante. Nato in Grecia e cresciuto in Irlanda, emigrò negli Stati Uniti da ragazzo e divenne giornalista di cronaca a Cincinnati, nell’Ohio. Dopo aver sposato una giovane di colore, atto a quel tempo illegale, venne licenziato e poco tempo dopo si trasferì a New Orleans, dove collaborò con i quotidiani locali come reporter, critico, traduttore e autore di racconti brevi. Un decennio più tardi si trasferì in Giappone, dove acquisì il nome Koizumi Yakumo e lavorò come professore, giornalista e scrittore, contribuendo a far conoscere la cultura e il folklore del Paese del Sol Levante nel mondo intero.

Arthur Machen
ARTHUR MACHEN

Arthur Machen (Caerleon-on-Usk, 1863 – Amersham, 1947), pseudonimo di Arthur Llewellyn Jones, è stato uno scrittore gallese famoso per i numerosi racconti del soprannaturale, fantastici e dell’orrore, che hanno avuto grande influenza su autori come H.P. Lovecraft e lo stesso Yeats, e per aver dato vita alla leggenda degli Angeli di Mons. L’importanza della sua produzione letteraria è tale che le sue opere sono state tradotte in molti paesi e ristampate innumerevoli volte, avendo avuto un ruolo rilevante nella rinascita tardo vittoriana del romanzo gotico e del movimento decadentista di fine ‘800. La sua novella Il Grande Dio Pan viene considerata ancora oggi un classico della letteratura dell’orrore.

Eleonora Pescarolo
ELEONORA PESCAROLO

Nata nel padovano nel 1992, fin da bambina è appassionata di libri, fumetti e della cultura del Vicino Oriente Antico. Con grande intraprendenza ha collaborato dal 2011 al 2015 con l’Associazione Culturale ‘Comic’s Trip’ di Rovigo partecipando all’organizzazione dell’evento fieristico ‘Rovigo Comics, Cosplay & Games’ e nel 2011 e nel 2013 all’evento ’24HIC – Ventiquattr’ore del Fumetto’ a Villanova del Ghebbo (RO). Dal 2012 contribuisce a svariate antologie e riviste letterarie e nel 2015 ha esordito nella narrativa fantastica con il romanzo Naltatis – Il sentiero degli Dei (I Doni delle Muse Edizioni).

schwermer
MELISA SCHWERMER

Melisa Schwermer, nata nel 1983 a Offenbach, ha studiato germanistica e filosofia. Al momento sta svolgendo il dottorato in Scienze della letteratura e lavora come collaboratrice all’Università. Con il suo racconto breve Das glitzernde Ding ha ottenuto il 3° posto dell’Horror-Award Vincent-Preis nel 2014. Nell’agosto 2016 è uscito il thriller So bitter die Schuld (Così amara la colpa), rimanendo a lungo al 1° posto della Kindle-Charts e per sei settimane nella classifica BILD-Bestseller. Inoltre, il titolo è stato inserito tra i cinque finalisti dei Kindle-Storyteller-Awards 2016. Anche il sequel So dunkel die Angst (Così oscura la paura) ha raggiunto la Top 10 delle Kindle-Charts. Melisa Schwermer vive con il compagno a Rödermark. Oltre alla lettura e alla scrittura, ama la musica rock e punk ed è attiva nell’ambito della tutela degli animali.

Website

Foto Omar Viel
OMAR VIEL

Ha studiato Conservazione dei Beni Culturali e si occupa di comunicazione in diversi ambiti, tra i quali quello artistico. È stato finalista del Premio Italo Calvino nel 1992 e ha pubblicato racconti su Nazione Indiana, Nuova Prosa e nell’antologia Venise, collection Bouquins, pubblicata dall’editore francese Robert Laffont.

Website

Foto Valentina Villani
VALENTINA VILLANI

Nata a Roma, dove vive e lavora come psicologa e psicoterapeuta, coltiva la passione per la fotografia e la sceglie come mezzo per raccontare storie di vita, di dolore, intime sensazioni e denuncia sociale. Ha partecipato a diversi concorsi e organizza mostre fotografiche. Nel 2015 vince il concorso nazionale bandito dall’associazione Il filo di Eloisa, per la valorizzazione del pensiero e della creatività femminili, con un progetto di cinque foto e relativi testi.Il progetto è stato pubblicato nel volume Lo spazio consapevole (Iacobelli Editore).

Website

Foto Sara Zanelletti
SARA ZANELLETTI

Nata a Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, studia danza dall’età di sei anni e trascorre la maggior parte della sua vita in scena, viaggiando per il mondo. Nel 2002 partecipa al musical I dieci comandamenti diretto da Elie Chouraqui, in tour tra Milano, Roma e il Sud Italia. A seguire, la sua acclamata performance come antagonista per Tablo di Gaetano Triggiano, diretto da Serge Denoncourt. La svolta artistica si ha nel 2008, quando il Cirque du Soleil la ingaggia per lo spettacolo Believe con Criss Angel, al teatro Luxor di Las Vegas. Nel 2010 si trasferisce a Los Angeles per coltivare le capacità recitative e la scrittura. Tra il 2013 e il 2014 ritorna sulle scene, esibendosi come solista per The Lost Garden, in tour a Shanghai e a Seul. Oggi vive tra Los Angeles e Milano, condividendo la passione per le lingue come coach di lingua italiana per dirigenti, celebrità e cantanti.